Alla scoperta di Verona… per finanziare la nuova ambulanza del SOS. Aperte le iscrizioni

Procedono a vele spiegate le iniziative di raccolta fondi del S.O.S. di Sona denominate #unaambulanzaperilsos e mirate all’acquisto della nuova ambulanza.

In questa direzione, il S.O.S. propone una bellissima iniziativa culturale per sabato 14 aprile dalle 16.30 alle 18. Si terrà, infatti, una visita guidata di circa un ora e mezza alla nostra splendida ed ammirata città di Verona, alla scoperta di luoghi, tradizioni, storia ma soprattutto aneddoti e particolari storici a volte sconosciuti (o poco conosciuti) anche ai Veronesi.

A disposizione ci sarà la guida autorizzata Carla Bosa che guiderà i partecipanti in questo visita. Il percorso che Carla proporrà sarà una passeggiata alla scoperta della Verona Medioevale, che comprende il periodo Comunale e Scaligero, sicuramente il più prestigioso per la nostra città: si partirà dalla Basilica di San Zeno (nelle foto de Il Baco da Seta), costruita in epoca comunale, si passerà per Castelvecchio, la Corte delle Sgarzerie, Piazza delle Erbe e dei Signori con le Splendide Arche. Si parlerà di Romeo e Giulietta, ma anche di Dante, ospite della Famiglia Della Scala. A disposizione di ogni persona una coppia di cuffie audio per poter seguire, senza perdere nulla, la spiegazione di Carla.

Ad ogni partecipante viene chiesto un piccolo contributo di 12 euro che, al netto delle spese di 2 euro per il materiale audio, verrà completamente devoluto al S.O.S.

Dato il numero limitato di posti a disposizione (40), la partecipazione va confermata entro mercoledì 11 aprile via mail a fundraising@sos-sona.it indicando i nominativi dei partecipanti. Seguirà comunicazione su luogo e ora di ritrovo. La partecipazione è aperta a tutti.

Sull’onda di un entusiasmo crescente il S.O.S ha già raccolto più di 50 mila euro per l’acquisto nel nuovo automezzo. L’obiettivo da raggiungere è di 80 mila euro circa. E’ un lavoro certosino fatto di tante piccole conquiste, ma il cammino è tracciato.

Alfredo Cottini
Sono nato a Bussolengo l'8 ottobre 1966. Risiedo a Lugagnano sin dalla nascita, ho un figlio. Sono libero professionista nel settore della consulenza informatica. Il volontariato è la mia passione. Faccio parte da 30 anni nell'associazione Servizio Operativo Sanitario, di cui sono stato presidente e vicepresidente. Per diversi anni sono stato consigliere della Pro Loco di Sona. Amo il mio cappello da Alpino per quello che rappresenta. Ritengo che la solidarietà, insita nell’opera del volontario, sia un valore che vale la pena vivere ed agire. Si riceve più di quello che si dà. Considero la cooperazione tra le organizzazioni di volontariato di un territorio uno strumento utile per amplificare il valore dei servizi, erogati da ognuna di esse, al cittadino