Al via l’ottava edizione di SonaFilmFestival. Ecco il trailer di presentazione

Inizia venerdì 23 gennaio presso il teatro parrocchiale a Sona capoluogo l’ottava edizione di SonaFilmFestival “La montagna si proietta in collina”.  Si tratta di un evento culturale che si snoda in cinque serata e che ormai da tempo ha superato i limiti comunali per diventare un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati della montagna e dell’avventura dell’intera provincia.

 

Ecco il VIDEO che presenta la rassegna di quest’anno.

  

 

Di seguito il programma delle serate.

 

23 gennaio: “Uno, nessuno, seicentomila”. La storia quasi vera del Milite ignoto italiano.

Durata: 90 min. Con Prof. Emilio Franzina, Paolo Bressan, Mirco Maistro. Lezioni di storia cantata: In occasione del Centenario della Prima Guerra Mondiale verrà proposto uno spettacolo in forma di musiche e dialoghi del racconto del Milite ignoto italiano attraverso la ricomposizione “un poco alla volta” della trama di una storia individuale, simile a molte altre, desunte da testimonianze, carteggi e diari dell’epoca delle fasi della grande guerra. L’evento viene proposto, come “rito” dedicato ai soldati sconosciuti e morti in guerra attraverso le varie fasi dell’incorporamento, dell’addestramento, degli assalti, dei combattimenti e delle trincee sull’Altopiano di Asiago e sull’Isonzo. Emilio Franzina, autore ed interprete dei testi avrà anche il compito di integrare le informazioni parziali derivanti dai brani cruciali della narrazione via via riportata. Ingresso 5 euro.

 

montagna_con_neve_alpinista30 gennaio: “Cordillera blanca – Alpamayo – terra di sogni che si realizzano.

Durata: 60 min. Con Massimo De Paoli e Bruno Giovannetti.

Due sogni che si realizzano: Serata dedicata all’entusiasmante racconto attraverso le immagini del sogno coltivato da lungo tempo e successivamente realizzato dall’alpinista Massimo De Paoli,assieme a due amici, di salire l’Alpamayo – 5.947 mt., considerata una delle montagne più belle del mondo. Interverrà Bruno Giovannetti Guida Alpina e Guida di mountain bike, da anni formatore delle guide alpine peruviane per raccontare il sogno (il secondo) di alcuni ragazzi nati ai piedi della Cordillera Blanca in Perù di diventare guide. Giovannetti presenterà un suo breve documentario dal titolo VAMOS PERU’ sulla vita di questi ragazzi della cordigliera diventati ora guide di alta montagna. Ingresso € 5,00.

 

6 febbraio: “Cho Oyu – La dea turchese: l’Himalaya dentro l’anima”.

Durata: 60 min. Con Luca Montanari – G.A.

“…Uno due, tre, un respiro. L’Himalaya dentro di me”. L’Himalaya dentro l’anima: “Quando comincio una salita, quasi dimentico la fatica. Sento solo il mio cuore. E lo sente anche lei, la montagna, che mi accoglie, mi ospita, si rivela a me. Con lei, ogni volta, nasce un legame profondo di complicità e fiducia”. Queste le parole di Luca Montanari, Guida Alpina che racconterà la sua spedizione al Cho Oyu 8.201 mt., la Dea Turchese per i tibetani, compiuta tra Agosto e Settembre del 2014. Oltre al tema principale, Luca Montanari racconterà della sua vita in montagna e del suo rapporto con il Monte Baldo. La serata sarà anche occasione per conoscere l’Associazione “Mountain for life”, un’iniziativa che permette di vivere la montagna tenendo accesa la speranza per sconfiggere un grande male. Ingresso € 5,00.

 

13 febbraio: “Pedalande”… a zonzo in bici sulle Ande

Durata: 60 min. con Dimitri Avesani ed Alberto Vaona

“Un viaggio non inizia nel momento in cui partiamo né finisce nel momento in cui raggiungiamo la meta. In realtà comincia molto prima e non finisce mai”. Con questa frase di Kapuscinski Dimitri Avesani, classe 1973, cicloviaggiatore, maestro di ciclo-camping, meccanico perfetto e disegnatore CAD a tempo perso, e Alberto Vaona, classe 1975, ciclo-viaggiatore e a tempo perso medico, ricercatore e sindacalista, hanno affrontato in bicicletta, per tre mesi, la traversata delle Ande, attraversando Perù, Bolivia, Cile e Argentina. Questo viaggio, nel quale hanno superato diversi passi andini di 4.000 mt. ed oltre, e raggiunto una cima di 6.000 mt., è stato per i due ciclo-turisti, anche l’occasione per partecipare a progetti di cooperazione internazionale con varie associazioni Onlus veronesi con le quali sono in contatto. Ingresso € 5,00.

 

20 febbraio: Viaggi, avventure e conquiste dei Sonesi

1° Parte: Ritagli di volo “La magia del parapendio”

Durata: 20’. Con Guerrino Mirko Binotto, pilota di parapendio e alpinista, Michele Binotto pilota di parapendio e progettista di imbragature di volo per Woody Valley e per la scuola di volo libero Yeti Extreme di Costermano (Vr): Nonnis Alberto Istruttore di volo libero e Tiziana Guadagnini aiuto Istruttore di volo libero. Quattro piloti di parapendio di cui un istruttore faranno rivivere le emozioni del volo effettuate dal Monte Baldo ed altre cime. Ci condurranno ad osservare le montagne attraverso una diversa prospettiva, in una magica immersione nella natura e nella libertà. Nel corso della serata verranno illustrate le tecniche di volo, ed altri dettagli con l’ausilio delle attrezzature che porteranno in teatro per l’occasione. Ingresso gratuito.

2° Parte: “One way – AGESCI – Route nazionale 2014”

Durata: 20’ Con il Gruppo Scout Lugagnano 1.

Il Gruppo Scout Lugagnano 1 farà rivivere l’esperienza vissuta in Route Nazionale 2014, percorso compiuto da 30.000 giovani dai 16 ai 21 anni provenienti da 1500 differenti gruppi Scout delle 20 regioni italiane, attraverso strade di montagna, città e villaggi “sulle strade del coraggio”, per poi ritrovarsi a San Rossore (PI). Ingresso gratuito.

 

Tutte le proiezioni avranno inizio alle ore 21.

 

 

Articolo precedente“Liberi dentro”, continuano a Palazzolo gli incontri organizzati dal Circolo Giustiniano NOI
Articolo successivoChe festa per l’Azione Cattolica Ragazzi di Lugagnano a Giare
Il Baco da Seta nasce nel 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews