Al via l’anno scolastico nel nostro Comune. L’Assessore Dal Forno: “ritroviamo l’alleanza tra insegnanti, genitori e istituzioni”

Oggi 12 settembre suona la prima campanella nel nostro Comune ed in tutte le scuole del Veneto. Dopo tre mesi di vacanza, di mare o montagna, sano ozio e giochi all’aperto, gli studenti rimettono in spalla lo zaino e si accingono a riprendere gli studi.

Per alcuni di loro, all’inizio di un nuovo percorso, sarà una giornata densa di emozioni, per altri sarà forse un po’ meno eccitante e si presenterà solo come la prosecuzione di un cammino, ma per quasi tutti gli alunni del nostro territorio l’ingresso stamani nell’edificio scolastico di appartenenza mostrerà delle novità che faranno aprire più velocemente i loro occhi ancora un po’ assonnati.

Alcuni istituti, infatti, si sono rifatti il trucco con nuovi infissi, con nuovi arredi o con una riqualificazione energetica, con l’ammodernamento di nuove aule e la ritinteggiatura. In alcuni casi i lavori sono ancora in fase di completamento ma dimostrano chiaramente la volontà di rinnovare e migliorare le strutture esistenti per fornire un migliore servizio a chi le frequenta. Sul prossimo numero della nostra rivista daremo conto di tutti gli interventi eseguiti, in corso ed in programma per le nostre scuole.

banchi-san-giorgio
Nella scuola di San Giorgio sala mensa nuova, aula rifatta e ingresso ritinteggiato.

Non sono solo queste, tuttavia, le novità di quest’ anno, basti pensare al nuovo orario scolastico che partirà presso la Secondaria “Anna Frank” di Lugagnano o più in generale a tutti gli aspetti che riguardano l’attuazione della recente riforma del governo, la cosiddetta “Buona Scuola”.

Tanti cambiamenti, tante novità che hanno bisogno però di sforzi, non solo economici ed organizzativi, per rivelarsi proficui.

Se all’esterno i nostri edifici scolastici stanno pian piano assumendo una diversa fisionomia, è soprattutto al loro interno, nella pratica quotidiana, che va portata la qualità e questo può essere possibile se nessuna delle parti coinvolte viene lasciata sola, ma si impegna, partecipa e collabora, nel rispetto delle varie funzioni e dei vari ruoli.

Resta sempre molto importante, se non determinante, il dialogo tra i genitori degli alunni, l’istituzione scolastica ed il Comune – spiega al Baco l’Assessore alla scuola Dal Forno. – La qualità della comunicazione va curata in entrambe le direzioni nel e per il rispetto reciproco, perché il lessico della scuola è apparentemente di dominio pubblico, ma in effetti talvolta, più che svelare, nasconde meccanismi amministrativi e didattici complessi e non facilmente comprensibili. Servono attenzione e fiducia, atteggiamenti che le nostre scuole, così come gli studenti ed i loro genitori, a tutti gli effetti meritano.

Auguri di buon anno, allora, a tutti i docenti e a tutti i genitori, affinché creino l’alleanza necessaria per favorire il buon funzionamento del sistema scolastico.

Soprattutto auguri a tutti gli studenti coinvolti in questa faticosa ma straordinaria avventura che è la scuola. A volte la tv dà l’impressione di poter diventare ricchi, famosi e felici senza dover davvero lavorare. La verità è che il successo è duro da conquistare. Nessuno è nato capace di fare le cose, si impara sgobbando. Occorre fare esercizio, anche cadere ed imparare dal fallimento. Apprendere e mettere a frutto le proprie conoscenze comporta fatica ed impegno. Il dizionario, infatti, è l’unico posto dove “successo” viene prima di “sudore”.