Agostino di Lugagnano, allevatore di canarini campione del mondo. In Olanda ottiene altri due primi posti (ed un secondo piazzamento)

Come già abbiamo raccontato con un articolo di qualche anno fa, a Lugagnano risiede uno dei massimi ornicoltori specializzati nell’allevamento dei canarini, non solo a livello italiano, ma anche internazionale, Agostino Zingarlini.

A dirlo sono i numeri: in più quarant’anni di grande passione (parlare di semplice passatempo sarebbe riduttivo) per questa attività, egli ha conquistato circa duecento premi nelle gare nazionali e mondiali di esibizione dei migliori canarini.

“Un giorno di tantissimi anni fa me ne stavo seduto a casa, e intanto fuori pioveva a dirotto – racconta Zingarini -. A un certo punto sentii qualcosa sbattere contro i vetri. Incuriosito, andai a vedere, e trovai un canarino, evidentemente fuggito da qualche gabbia, che giaceva sul davanzale della finestra. Impietosito, lo raccolsi, lo asciugai, lo nutrii e lo riposi in una gabbietta accogliente. Con mia grande sorpresa, quando fu primavera l’uccellino si mise a cantare: grazie a me era tornato a nuova vita! Stimolato dai miei figli, anch’essi entusiasti della presenza del nuovo piccolo ospite, pensai di aggiungere una femmina, così da formare una coppia in grado di dare origine a una progenie”.

Un canarino. Sopra, Agostino Zingarlini.

L’entusiasmo che prese Zingarlini fu tale che abbandonò quella che fino ad allora era stata la sua passione principale per il tempo libero, dipingere quadri. Lui che in precedenza mai aveva pensato ai canarini, con scrupolo e meticolosità prese a raccogliere ogni informazione sui metodi più moderni per allevarli.

Due anni dopo si sentì pronto per partecipare a una mostra a Verona. Da allora fu tutto un susseguirsi di riconoscimenti e premi, dapprima a livello provinciale, poi regionale, quindi nazionale e internazionale.

L’ultimo dei suoi innumerevoli successi è stato conseguito al Campionato Mondiale di Ornitologia tenutosi il 13 gennaio scorso in Olanda nella città di Zwolle, dove – sbaragliando la concorrenza di oltre 2600 concorrenti provenienti da molte nazioni – Zingarlini ha vinto due primi posti e un secondo piazzamento, mettendo in mostra alcune varietà di canarini da lui allevati con estreme competenza e cura.

Agostino Zingarlini è iscritto alla F.O.I. (Federazione Ornicoltori Italiani) e alla C.O.M. (Confederazione Ornitologica Mondiale).

Nella foto in alto, Agostino nella sua casa di Lugagnano mentre mostra le medaglie e i diplomi conquistati nella recente rassegna olandese.

Articolo precedenteAnche ANTS Onlus per l’autismo a “Palla lunga e raccontare” a Sona per la Giornata della Donna
Articolo successivoGiornata del FAI e Mercato della terra, domenica a Sommacampagna un mix di arte e cibo
Nato a Verona nel 1956, lavora come medico di base. Dal 2003 è redattore del “Baco da seta”, su cui pubblica articoli che trattano quasi sempre di storia del nostro Comune. E’ presidente del “Gruppo di ricerca per lo studio della storia locale di Sona”, che fa parte della Biblioteca comunale di Sona.