Affaire Caparra, capitolo secondo?

Ascolta questo articolo

La vicenda che ha coinvolto Francesco Caparra è cosa nota. Caparra, uno dei fondatori della Lista Civica Progetto Comune, aveva postato lo scorso 4 dicembre sulla sua pagina Facebook il logo del Movimento Sociale Italiano con questo commento “Un ricordo indelebile. Una fiamma mai spenta”.

Il fatto ci era stato segnalato da alcuni lettori che si chiedevano se questa dichiarazione significasse che esisteva una qualche vicinanza politica della lista civica dell’ex Sindaco Bonometti all’estrema destra.

 

Il giorno dopo si era avuta la reazione del Presidente della Lista Civica Daniel Mariani, che aveva scritto al Baco indicando, tra le altre cose, che “Progetto Comune prende atto delle azioni personali ed individuali intraprese da un proprio esponente: con fermezza e altrettanta serenità ci dissociamo da chi vuole confondere l’opinione pubblica collegando il nostro movimento a qualsiasi simbolo politico, passato o presente che sia. Gli estremisti ed estremismi non costituiscono parte integrante del nostro movimento!”.

A questa dichiarazione avevano fatto immediato seguito una nota di Caparra, sempre al Baco, che aveva annunciato le sue dimissioni dalla Lista Civica dichiarando che  “a seguito della mia incauta uscita sulla scomparsa della Destra dal panorama politico nazionale si è scatenato verso la mia persona un attacco ingiusto ed ingiustificato. Non ho MAI partecipato a gruppi di estrema destra, al massimo ho avuto la tessera di Alleanza Nazionale, ex MSI, per cui simpatizzavo. Dopo l’unione con Forza Italia mi sono allontanato completamente dal partito, non riconoscendomi in agglomerato. Non ho mai avuto pensieri nazionalistici e sono una persona che ha come principio il rispetto, l’onore e l’onestà per se e per gli altri. Mi sento però obbligato, nei confronti delle altre persone appartenenti al gruppo Progetto Comune, di rassegnare le mie dimissioni quale socio fondatore”.

Quindi Caparra dimissionario, il suo nome e la sua foto scomparsi dal sito di Progetto Comune e polemica che sembrava chiusa. A riaprirla è invece in questi giorni lo stesso Caparra, che scrive nuovamente al Baco ponendo lui questa volta una questione che riguarda la sua ex Lista civica.

“Cari Signori – segnala infatti l’ex socio fondatore della lista civica di Flavio Bonometti – mi domando come mai Progetto Comune si è dissociata da me per una frase sul M.S.I. ma accetta su Facebook l’amicizia e le lusinghe di soggetti che tra le informazioni di base, all’orientamento politico, riportano il ‘Movimento Fascismo e Libertà – Partito Socialista Nazionale’, si tratta di un signore che a quanto pare segue la lista assiduamente. Considerato l’accaduto lo ritengo un controsenso”.

Caso riaperto? Staremo a vedere.