A Vinitaly anche la Cantina Poggio delle Grazie dei fratelli Brutti di Lugagnano, eccellenza del nostro territorio

Stefano (a destra) e Massimo Brutti a Vinitaly
Ascolta questo articolo

Ha preso il via domenica 15 aprile la 52esima edizione di Vinitaly, il salone Internazionale del vino e dei distillati, che si tiene a Verona dal 1967, con cadenza annuale. Vinitaly si estende per oltre 95 000 m², conta più di 4 000 espositori l’anno e registra circa 150 mila visitatori per edizione.

Stefano (a destra) e Massimo Brutti a Vinitaly

Quello che si tiene in Fiera a Verona è realmente un evento unico durante il quale produttori, importatori, ristoratori, tecnici, giornalisti e opinion leader si danno ogni anno appuntamento per conoscere le tendenze del mercato del vino, scoprire le innovazioni e creare nuove opportunità di business.

Anche quest’anno è presente a Vinitaly, nel padiglione 8 fila D9, desk E09, insieme alla Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti, anche una vera eccellenza del nostro territorio: la Cantina Poggio delle Grazie dei fratelli Stefano e Massimo Brutti di Lugagnano, nella foto.

La cantina Poggio delle Grazie, che ha sede in via Milano, 199 a Castelnuovo del Garda, è nata nel 2014 per volontà di Stefano e Massimo Brutti che già producevano uva, conferendo però ad altri produttori. Stefano e Massimo seguono personalmente e indistintamente tutti i passaggi di lavorazione dei loro splendidi vini: dalla vigna al prodotto finito, alla commercializzazione dello stesso.