A cosa serve?

Sconfortante la visita al sito web della Proloco di Sona www.prolocosona.it. Una quasi totale assenza di contenuti ed attività promosse. Basti dire che l’appuntamento più recente in calendario risale addirittura all’agosto 2007 (“Cinque Brillantissimi Ottoni in Concerto”). Per un totale – tra l’altro – di “ben” tre appuntamenti complessivi pubblicizzati. Se poi si clicca nell’area “Eventi” ci si trova di fronte il Calendario 2007 e su otto sezioni presentate nell’apertura del sito addirittura quattro non funzionano.

Ma la Pro Loco di Sona e questo portale non erano nati per dare impulso all’associazionismo di Sona. Non dovrebbero promuovere attività ed eventi? Non dovrebbero valorizzare il territorio? Non dovrebbero animare la vita sociale del Comune?

 

A questo punto stupisce leggere nell’”Introduzione” gli scopi della Pro Loco Sona: “La Pro Loco Sona è una associazione di persone che si propongono di operare sul territorio e sulla zona ad organizzare turisticamente la località. Tutelare e mettere in valore le bellezze naturali, artistiche, monumentali del luogo. Promuovere e facilitare il movimento turistico, l’istituzione di alberghi e ritrovi, promuovere festeggiamenti, gare, fiere, convegni, spettacoli pubblici. Sensibilizzare le popolazioni residenti ai fini della promozione e dello sviluppo delle attività turistiche”.

La nascita della Pro Loco Comunale – di cui, come si legge nel sito, fanno parte del Comitato Direttivo, tra gli altri, Ugo Ricci come Presidente e come rappresentanti comunali la moglie Meri Pinotti e Giovanni Avesani – era stata segnata da alcune polemiche da parte delle Associazioni del territorio che si sentivano poco coinvolte e rappresentate. E il sito ufficiale sembra a questo punto confermare i tanti dubbi dei cittadini di Sona.