Ascolta questo articolo

Il 2 aprile è la Giornata internazionale del libro per bambini. Lo scopo della ricorrenza è quello di puntare i riflettori sull’importanza della lettura fin dalla più tenera età. Infatti in Italia prima del Covid si teneva a Bologna il Children’s Book Fair, una fiera imperdibile per scrittori, illustratori, editori, educatori, insegnanti, traduttori e appassionati di letteratura per l’infanzia. Legato a questa data speciale è anche il premio Andersen, il più ambito riconoscimento attribuito ai libri per ragazzi, istituito nel 1956.

Questa rubrica vuole cogliere lo spunto offerto da questa giornata speciale per suggerire alcune letture piacevoli e coinvolgenti per bambini e ragazzi. In questo periodo complesso viaggiare con la fantasia può rappresentare un ottimo passatempo e un modo utile e piacevole per impiegare il tempo libero.

Il primo suggerimento riguarda la recente uscita di “Viola e il blu”, il nuovo libro di Matteo Bussola, l’autore di “Notti in bianco, baci a colazione”, che racconta la libertà di essere chi vogliamo. Se sei femmina non devono per forza piacerti il rosa e le bambole, se sei maschio non devi necessariamente vestirti di azzurro e giocare con le macchinine. Il romanzo abbattere gli stereotipi di genere e soprattutto parla di come realizzare se stessi, accettarsi e piacersi per quello che si è, con tutte le proprie particolarità, anche se agli occhi degli altri possono sembrare stranezze e “diversità”. Età di lettura: dai 10 anni.

A fine 2020 è uscito anche “L’ickabog”, un romanzo pieno di magie ed avventure fantastiche scritto da J.K.Rowling. Ambientato a Cornucopia, piccolissimo regno pieno di delizie, dove tutto sempre filare sempre liscio, finchè un mostro leggendario, l’Ickabog, fa serpeggiare la paura. Pare si diverta a spaventare i bambini, ma due giovani amici cercheranno di trovare il luogo dove si nasconde per riportare a Cornucopia la serenità. Età di lettura: dagli 8 anni.

“Il ritornante” di Paola Barbato è un libro per gli amanti delle storie paurose. Una leggenda narra che nelle grotte di Arlind sia situata la porta per l’inferno. Se questa porta non viene aperta, nessun demone può uscire, ma se succede significa invitarlo a venire nel nostro mondo. I ragazzi della zona da sempre un po’ ne sono attratti e un po’ ne hanno paura. Bo, Ian, Michael e Janice, i protagonisti, hanno un problema: un ragazzo cattivo, Wayne Cook, si comporta in modo cattivo con loro. Un giorno per vendicarsi di lui gli rubano il cellulare e lo buttano nelle grotte. La mattina dopo Wayne scompare improvvisamente. E così ai protagonisti non resta che scendere nelle grotte per ritrovarlo. Età di lettura: dagli 11 anni.

Un ragazzino sportivo amerà le storie di sport di Riccardo Gazzaniga in “Abbiamo toccato le stelle”. Si tratta di venti racconti in cui gli atleti protagonisti lottano non solo per vincere una medaglia o battere un record, ma anche per difendere valori importanti nel nome dei diritti umani. Età di lettura: dagli 11 anni.

“1969 – Sbarco sulla Luna” di Christian Hill racconta lo spazio e le missioni spaziali. Michael Collins narra nel libro la missione dell’Apollo 11, che portò Neil Armstrong a mettere piede sulla Luna. Età di lettura: dagli 8 anni.

In occasione dei settecento anni dalla morte del Sommo Poeta è uscito “Il mio amico Dante”, dove Geronimo Stilton finisce nell’oltretomba. Età di lettura: dai 7 anni.

Per gli amanti dei draghi, “Come addestrare un drago” di Cressida Cowell è il libro giusto. Dalla serie, in dodici libri, è tratto il famoso film “Dragon trainer”. Età di lettura: dagli 8 anni.

“Avrò cura di te” di Maria Giraldo e Nicoletta Bertelle è infine uno splendido albo illustrato adatto ai più piccoli. Tocca il tema della solidarietà, della fratellanza, del prendersi cura attraverso poetiche illustrazioni. Bellissimo da sfogliare insieme a mamma e papà. Età: dai 4 anni.

Per concludere questa carrellata di spunti di lettura per bambini e ragazzi, una dolce poesia della scrittrice di libri per bambini Michela Guidi, vincitrice del Premio Andersen nel 2017, dedicata a tutti i piccoli lettori.

Io leggo leggero,
con voce o pensiero,
da solo o in un gruppo,
un po’ dappertutto.
Io leggo e divento
tutto ciò che sento:
paura e magia,
coraggio e follia.
Io leggo e trasformo
la notte nel giorno,
le lettere in suono,
la carta in un dono.
Io leggo se voglio,
se no solo sfoglio:
un libro ha il diritto
di stare anche zitto!