16 Marzo: inquinamento part-time

Domenica 16 marzo: per combattere l’inquinamento, i Sindaci di Verona e circondario avevano deciso di fermare la circolazione dei veicoli, ma….

 

Il blocco aveva la lunghezza degli orari degli impiegati a part-time, dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18 ed inoltre le esclusioni erano le seguenti:

veicoli gpl,a metano, elettrici o ibridi; autobus di linea e turistici; taxi a noleggio, veicoli per trasporto pasti, smaltimenti rifiuti, cerimonie nuziali o funebri e al seguito; veicoli per disabili, di persone con gravi malattie, ambulanze ed auto di medici;veterinari, paramedici e tecnici ospedalieri; veicoli di associazioni ed imprese di assistenza sanitaria e sociale e per trasporto medicinali, prodotti per uso medico e prodotti deperibili; veicoli con targa straniera o per manutenzioni di emergenza;veicoli di Enti locali, di forze dell’ordine,magistratura e polizia municipale e provinciale, vigili del fuoco e forze armate; veicoli di lavoratori solo per il percorso casa-lavoro, veicoli da casa alla prima fermata autobus; veicoli degli ospiti degli alberghi, veicoli che effettuavano car-pooling se trasportavano almeno tre persone se omologati a quattro o almeno due se omologati a tre; veicoli di sacerdoti e ministri di culto di qualsiasi confessione religiosa; veicoli di ambulanti per recarsi al mercato; veicoli di operatori dell’informazione; veicoli di arbitri e commissari di gara; veicoli di operatori assistenziali, veicoli di assistenti domiciliari a malati gravi.

 

Possiamo ritenere che un provvedimento così concepito, che già se applicato rigidamente e per tempi lunghi serve assai poco, abbia potuto influire sulle polveri sottili presenti nell’aria di Verona e Comuni limitrofi?.

 

Ed inoltre, conoscendo la furbizia italiana, chi pensate che non abbia trovato nelle lunghissime tre più tre ore del blocco un veicolo o una mansione per forare, magari solamente per sfizio, la rigida griglia di controllo che “poveri” vigili urbani saranno stati costretti a stendere sul territorio da controllare?