Sabato l’AC Lugagnano apre le porte per far conoscere la scuola calcio e la filosofia educativa che la anima

L’A.C. Lugagnano da sette anni a questa parte ha rivoluzionato la sua Scuola Calcio.

Con grande passione ed energia il Presidente Forlin – con il suo staff formato da Campedelli, Gasparato, Spada e dal prezioso lavoro del segretario Ghidini – ha costruito nel tempo una squadra di istruttori competenti che condividono una passione per il calcio giovanile e soprattutto un’idea di Scuola Calcio nuova e diversa.

Partendo dalla consapevolezza che una Scuola Calcio è prima di tutto un’Agenzia Educativa, oltre agli stimoli tecnici e motori tipici di una Scuola Calcio, sono stati introdotti concetti e pratiche in linea con il percorso di sviluppo personale e calcistico dei bambini. Gli elementi fondamentali e distintivi di queste pratiche sono la libertà di scelta, la ricerca della gioia del gioco, la tolleranza dell’errore, una particolare attenzione alla fluidità ed al gesto della corsa, la stimolazione cognitiva delle Funzioni Esecutive applicate alla gestione delle coordinate spazio-temporali.

Spesso questo modo di operare ha trovato delle perplessità per certe pratiche a volte contro intuitive; ad esempio l’estrema libertà di scelta lasciata ai bambini può sembrare assenza di regole, o la grande tolleranza dell’errore (e le conseguenti sconfitte) possono essere intese come poca grinta e scarsa determinazione, ma non è così, anzi: è l’esatto contrario.

La scienza dice che un ambiente autodeterminato e supportante è l’ideale per apprendere, quindi lasciando liberi di scegliere e supportando (e sopportando) l’errore aiutando il bambino a riconoscerlo, tollerarlo e correggerlo, si impara meglio e si diventa più motivati e (paradossalmente) più determinati, sia su un campo da calcio che nella vita.

Sabato 21 aprile, dalle ore 17, allo stadio “Guglielmi” tutti i cittadini del Comune sono invitati a vedere concretamente i bambini al lavoro e gli istruttori saranno a disposizione per illustrare qual è l’idea di base che guida questo pionieristico progetto di lavoro che, partendo dai piccoli amici per arrivare agli esordienti, comprende una progressione di attività programmate e mirate al raggiungimento della piena padronanza delle basi affettivo-emotivo-cognitive che guideranno sia la formazione personale di ogni singolo bambino che l’acquisizione delle competenze tattico-tecniche calcistiche.

Su queste basi i ragazzini potranno poi innestare sia gli apprendimenti scolastici che i principi del calcio moderno più evoluti e, una volta approdati alle scuole secondarie di II grado e nelle categorie pre-agonistiche, sviluppare appieno la loro intelligenza accademica e calcistica.

Related posts