L’ASD Sona annuncia la fine della sua storia sportiva. “Tante difficoltà, anche il Comune non ci ha aiutati”

Solo un anno fa, il 14 maggio 2017, avevano festeggiato con una bella domenica di sport i vent’anni di fondazione, alla presenza di più di cento persone. Ed invece arriva, inaspettata, proprio in queste ore una lettera del Direttivo della Società calcistica amatoriale ASD Sona 97, piena di orgoglio ma anche con qualche recriminazione, con la quale si annuncia la fine di un percorso.

“Il calcio è solo un gioco! Per alcuni il più bello del mondo, per altri solo 22 giocatori in mutande che corrono dietro un pallone. Per dei dirigenti di una squadra amatoriale significa ore di fatica, di discussioni, di lavoro per organizzare una stagione di 30 partite e 60 allenamenti – scrivono dal Direttivo -. Sforzo sempre ripagato dall’euforia delle vittorie, dall’esultanza dopo un gol, da tutto il calore umano che una squadra di 30 amici può dare.

Il logo dell’ASD Sona. Sopra, un momento della festa per i vent’anni della società.

“L’ASD Sona 97, dopo 21 anni di storia, dopo tante gioie e qualche sofferenza, quest’anno non potrà iscriversi al campionato amatoriale di calcio a 11. Il nostro sogno è durato a lungo, adesso qualcuno ci ha svegliato, ci ha ricordato che è ora di diventare grandi (o vecchi, dipende dai punti di vista), di pensare alle cose ‘serie’”.

“In questi tempi di crisi economica gli aiuti che un tempo le aziende davano allo sport sono calati drasticamente, negli ultimi anni si è aggiunto – spiegano dal Direttivo, con molta amarezza – l’aumento considerevole (alcuni direbbero sconsiderato) delle tariffe per l’uso dei campi comunali applicate dell’Amministrazione, non in linea con i Comuni limitrofi”.

“Non cerchiamo alibi, per noi è una sconfitta personale, di errori ne abbiamo fatto tanti, sempre in buona fede, mossi da una sana, immensa passione per il calcio. Con un abbraccio, un sorriso, vogliamo ringraziare e salutare, sarebbe impossibile citare tutti, presidenti, dirigenti, allenatori, giocatori e simpatizzanti, tantissime persone che in questi anni hanno aiutato il Sona 97 a nascere, crescere e prosperare. Un ringraziamento particolare agli sponsor, senza i quali la storia sarebbe finita tanti anni fa, alla Polisportiva San Giorgio e al SonaMazza che ci hanno sempre ospitato con gentilezza”.

“Ora i superstiti del Sona 97 inizieranno una nuova avventura, fuori dal Comune di Sona, speriamo sia solo un arrivederci e non un addio… ciao a tutti – conclude il Direttivo – i bei ricordi di questi 21 anni e la Guglia scudettata neroverde saranno indelebili nella nostra mente, nei nostri cuori. Forza Sona 97 sempre!”

Related posts