“Tu e l’Eternità”: le elementari di Lugagnano prime ad un concorso del Festival Biblico 2018

Grande soddisfazione per la classe 4B della Primaria “Silvio Pellico” di Lugagnano, classificatasi al primo posto nella prima edizione del concorso “Tu e l’eternità. Esercizi di Futuro”, lanciato dal Festival Biblico 2018, che li ha visti protagonisti durante le premiazioni presso la chiesa di Sant’Eufemia, venerdì 4 maggio.

Il tema del concorso ha offerto  l’occasione ai partecipanti (scuole primarie e secondarie di I e II grado) di porsi in relazione con temi complessi, come l’eternità, l’oltre e l’infinito, che accomunano tutti i popoli e tutte le grandi riflessioni filosofiche e religiose. Il lavoro di avvicinamento e approfondimento dell’argomento è partito dall’opera di Federico Bellomi “Arbor Redemptionis”, che si trova nella chiesa parrocchiale di Lugagnano.

Il Giudizio Universale dell’artista ha avuto l’importante funzione di stimolare interrogativi e curiosità nei bambini a proposito dell’origine del mondo e del mistero che lega vita e morte, in quanto l’affresco è stato concepito come un’unica rappresentazione teatrale, che invita lo spettatore a diventare co-protagonista dell’opera, a fare cioè un’esperienza personale e totale delle immagini impresse sulla parete.

Gli studenti, dopo questa prima fase di osservazione in chiesa sotto la guida del Parroco di Lugagnano don Antonio Sona, hanno proseguito il lavoro a scuola con l’insegnante di italiano Alessandra Gazzani, che li ha guidati nella lettura di una fiaba di Andersen e nella creazione poi di metafore a partire dalle parole “tempo”, “futuro”, “eternità”.

Grazie alla docente della secondaria Giuliva Di Bernardino, i bambini hanno provato a ricreare con il corpo, il movimento e la musica, i tratti essenziali dell’atteggiamento dei salvati e dei dannati, così come sono stati dipinti sul grande affresco.

I disegni del Bellomi sono stati poi riprodotti usando gli acquerelli, ragionando sui colori che meglio possono esprimere la voglia di infinito dell’uomo Infine, su un grandissimo rotolo di carta,disteso nel corridoio della scuola, gli studenti di quarta hanno provato coi pennelli a lasciare traccia della loro personale visione dell’eternità.

Questa interessantissima attività è stata coordinata dalla docente di Religione Cattolica della classe, Sonia Rudari, che ha accompagnato a Sant’Eufemia i piccoli vincitori, giustamente pieni di entusiasmo per l’apprezzamento pubblico del loro impegno, delle riflessioni profonde e delle emozioni forti che hanno saputo trasferire nel percorso affrontato a scuola.

Il VIDEO sottostante ben rappresenta le fasi dell’attività, ma anche l’impegno e l’entusiasmo dei protagonisti, che hanno tutti le ragioni di essere fieri del loro lavoro.

About Chiara Giacomi

Nata a Verona nel 1977, ha conseguito la laurea in Lettere presso l'Università di Verona e l'abilitazione all'insegnamento presso l'Università Ca' Foscari di Venezia. Sposata, con due figli, insegna Lettere al liceo.

Related posts