Progetto Bandito: Un’opportunità per i giovani del nostro territorio

Dei giovani spesso si parla come di coloro che non trovano sul territorio opportunità per sviluppare le proprie ambizioni di vita e professionali e questa situazione li porta a cercare oltre confine soluzioni adeguate.

Questa situazione è in effetti reale, ma è altrettanto vero che ci sono occasioni che cercano di dare ai giovani la possibilità di esprimere e realizzare progetti di cittadinanza e quindi di rendersi presenti e protagonisti.

Una di queste viene data dal “Progetto Bandito – Bandi for Teen and over” che è stato aperto in questi giorni, fino al 29 ottobre, e che intende dare la possibilità a gruppi di giovani organizzati in modo formale e non formale di proporre progetti che favoriscano l’autonomia e la partecipazione attiva giovanile, sviluppino attività di solidarietà sociale e promuovano iniziative ad interesse comunale e/o intercomunale.

Le linee tematiche che possono essere seguite sono il lavoro, con iniziative che hanno come possibilità lo sviluppo di capacità imprenditoriali; arte e cultura, con iniziative di tipo ricreativo, ludico, artistico, culturale, letterario; ambiente, con iniziative volte a valorizzare le specificità del territorio, la salvaguardia ambientale e lo sviluppo sostenibile e società, con iniziative volte a favorire l’attivazione di reti locali (enti, gruppi informali e cittadini) per lo sviluppo di proposte a favore della comunità

Possono partecipare gruppi formali o informali di giovani in età 15-29 anni. Il contributo previsto a sostegno del progetto può arrivare fino a 1.200 euro.

Informazioni più specifiche sono consultabili nel bando disponibile CLICCANDO QUI.

È sicuramente un’interessante opportunità per i nostri. I servizi educativi comunali sono a disposizione per fornire informazioni in orario ufficio. Il contatto è Francesca Faccincani email f.faccincani@comune.sona.vr.it, telefono 045 6080155.

About Enrico Olioso

Nato a Bussolengo il 16 agosto 1964, risiede dall’età di 5 anni a Sona (i primi 5 anni a Lugagnano). Sposato con due figli. Attivo nel mondo del volontariato fin dall’adolescenza, ha fatto anche esperienza di cooperazione sociale. È presidente dell’associazione Cav. Romani e socio Avis dal 1984. Fa parte della redazione di Sona del Baco da Seta dal 2002. È tra gli ideatori del progetto Associazioni di Sona in rete attivato nel settembre 2014.

Related posts