Nuovo Direttivo per il SOS di Sona, per affrontare nuove ed impegnative sfide

Si è svolta la riunione post elezioni per la definizione di ruoli ed incarichi in seno al nuovo direttivo S.O.S., insediatosi il 28 marzo scorso a seguito dell’Assemblea dei soci. Rimarrà in carica per due anni fino al marzo 2019.

E’ stata una elezione che ha portato una forte ventata di novità rispetto al trend storico dei consigli direttivi dell’Associazione. Ben cinque su nove i nuovi consiglieri, che hanno raccolto il testimone da altrettanti colleghi che hanno deciso di concludere la loro esperienza in seno al consiglio direttivo, dando così la possibilità ad altri soci di provare questa esperienza molto formativa e stimolante.

E’ un Direttivo che dovrà affrontare sfide importanti per il futuro del S.O.S.. Sono in atto profondi cambiamenti normativi, legislativi ad amministrativi in capo alle Organizzazioni di Volontariato. Il mondo del no-profit, altresì conosciuto come Terzo Settore, è chiamato ad intraprendere impegnativi percorsi di ammodernamento delle proprie organizzazioni, delle proprie prassi operative,  del proprio modo di comunicare, nel modo di rendicontare all’insegna delle trasparenza di gestione e tanto altro.

Nuove normative e nuovi modi di operare che rappresentano un ulteriore carico di responsabilità e di cose da fare in seno agli organi di direzione, con riflessi successivi anche sulla normale operatività di ogni Associazione.

“Altre cose da fare che affossano le Associazioni di Volontariato!” dirà qualcuno. Sicuramente un aggravio di gestione ci sarà, ma è un passaggio obbligato verso forme associative al passo con i tempi, a posto con le leggi, responsabili a 360 gradi del proprio operato. Questa è la nuova frontiera del volontariato. O si accetta la sfida o si getta la spugna. Non ci sono molte possibilità di scelta. Tanto vale quindi prendere coscienza di questo stato di cose e attivarsi per gestire i cambiamenti e non subirli.

Pierluigi Briggi, confermato come Presidente del SOS.

Da questo punto di vista la rete delle Associazioni di Sona è stata un precursore: tanti gli argomenti toccati nelle varie serate formative/informative all’interno del percorso Associazioni in rete che, per certi versi, sono state premonitrici di qualcosa che sarebbe stato a venire di lì a poco dopo.

Ritornando al S.O.S., il 2016 è stato un anno estremamente impegnativo che ha visto l’Associazione raggiungere l’Accreditamento Regionale previsto dal DGR 1515 delle Regione Veneto. Un sorta di vero e proprio precorso di certificazione ISO900 che ha visto i soci impegnati in un grande lavoro di analisi e documentazione di tutti i processi decisionali, gestionali ed operativi dell’Associazione. Senza di questo Accreditamento S.O.S. non avrebbe più potuto esercitare la propria attività di emergenza-urgenza sanitaria sul territorio. Ma non finisce qui: sulla scorta di quanto detto precedentemente riguardo il “cambio pelle” che il volontariato sarà chiamato a fare, tante altre saranno le sfide da affrontare e soprattutto da vincere.

Quella del 28 marzo scorso è stata un’elezione che, come si diceva, ha portato una forte ventata di novità. Cinque ingressi di nuovi consiglieri, che hanno raccolto il testimone da altrettanti colleghi,  che hanno deciso di concludere la loro esperienza in seno al consiglio direttivo dando così la possibilità ad altri soci di provare questa esperienza molto formativa e stimolante. Alcune conferme , segno di continuità di gestione, e tanti nuovi volti

Tra i consiglieri uscenti si è avuta la conferma per Briggi Pierluigi, che mantiene il ruolo di Presidente, Alfredo Cottini come Vice Presidente, Aurora Pernigotti come Tesoriere e Cristiano Speri.

Ecco le new entry, fresche di nomina e anche di età anagrafica Michela De Carli, Federico Caleffi, Enrico Montresor, Davide Arcozzi e Luca Fazio. Tutti ragazzi che hanno ormai alle spalle una solida esperienza come soccorritori e che hanno iniziato, qualche anno fa, un percorso di avvicinamento alla direzione dell’Associazione partecipando attivamente alla vita delle Commissioni  che supportano le varie funzioni operative dell’Associazione.

Un sistema di inclusione attiva graduale e continua, che permette al S.O.S. di gestire in maniera assennata e mai rapida ed impulsiva il normale traghettamento dell’Associazione verso il futuro. Futuro che passa anche da un cambio generazionale fisiologico. Un giusto mix tra anzianità ed esperienza con freschezza, energia ed entusiasmo.

Perché il S.O.S. è un patrimonio sociale, materiale, ed umano della nostra Comunità. Il compito del Consiglio Direttivo è quello di tracciare una strada da seguire e di avere la visione per traghettare questa Associazione ad un futuro che non vede la fine. I patrimoni, quando ci sono, vanno preservati.

S.O.S si sente ed è un tutt’uno con la comunità di Sona. Da 27 anni.

About Giorgia Adami

Nata a Bussolengo il 4 aprile 1994, risiede a Lugagnano. Attualmente studentessa del Corso di Laurea di Infermieristica presso il polo di Legnago, collabora con Il Baco da Seta dalla primavera del 2013.

Related posts