Lugagnano: a rischio la sfilata di carnevale per le elezioni del 4 marzo?

Lo scorso 28 dicembre è terminata ufficialmente la diciassettesima legislatura: l’ultimo atto è stata la firma che il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dopo aver sentito i Presidenti dei due rami del Parlamento ha posto sotto il decreto di scioglimento del Senato e della Camera dei Deputati. Contestualmente è stato anche approvato il decreto di indizione della data delle nuove elezioni, che si terranno il 4 marzo.

E qui nasce il problema. Domenica 4 marzo è, infatti, in programma a Lugagnano la grande sfilata di carnevale che corona la sempre ricca e intensa stagione carnevalesca della frazione. Si tratta di un appuntamento di grande rilievo, uno dei primissimi del cartellone carnevalesco provinciale, che ogni anno coinvolge tantissimi gruppi provenienti anche dall’estero, centinaia di maschere e una vera folla di spettatori.

I due appuntamenti, le elezioni e la sfilata, non sono però sovrapponibili.

Le norme che regolano la giornata elettorale impediscono, infatti, grandi ammassamenti di persone, come si verificherebbe a Lugagnano se si tenesse la sfilata. In più se sfilassero i carri e le maschere, da mezzogiorno fino al tardo pomeriggio sarebbe, di fatto, impossibile raggiungere i seggi posizionati presso le scuole elementari di via Minzoni e le scuole medie di via Carducci.

Quindi? Le possibilità non sono molte. Spostare ad un’altra domenica è quasi impossibile in quanto il calendario della stagione carnevalesca provinciale è da tempo completamente strutturato, con i vari gruppi già impegnati nelle tante sfilate che si tengono ogni settimana nei vari paesi.

Forse l’alternativa più concreta è quella di anticipare la sfilata al sabato 3 marzo, un giorno prima. E questo sembra possa essere l’orientamento degli organizzatori. Sempre che comunque la Prefettura, che ne ha competenza, la autorizzi in quanto dalle 16 deve essere assicurato l’accesso ai seggi agli scrutatori (per l’allestimento e per la vidimazione delle schede) e alle forze dell’ordine.

Chissà. Sarebbe una grande delusione per Lugagnano dover annullare un evento che coinvolge e diverte tanta parte della nostra comunità e che impegna un numero così alto di persone per un intero anno.

Nel frattempo la macchina organizzativa del carnevale non si ferma. Entro il 9 gennaio vanno presentate le candidature per chi vuole proporsi quale 36esimo Tzigano di Lugagnano, il 21 gennaio si terranno le votazioni in piazza ed il 27 gennaio l’investitura ufficiale. E poi si vedrà.

About Mario Salvetti

Nato nel 1969, risiede da sempre a Lugagnano. Sposato con Stefania, ha due figli. Molti gli anni di volontariato sul territorio e con AIBI. Nella primavera del 2000 è uno dei quattro fondatori del Baco. Dal 2008 ricopre il ruolo di Presidente.

Related posts