E’ ripartito il Piedibus: da quasi dieci anni colora le vie di Sona, Lugagnano e Palazzolo, coinvolgendo tantissimi volontari

Sapete cos’è il Piedibus? È una carovana di bambini con i loro gilet rifrangenti in movimento verso scuola accompagnati da almeno due adulti, con capolinea, fermate, orari e un percorso prestabilito. È proprio un bus con i piedi. Un progetto innovativo che coinvolge attivamente i bambini stimolandoli alla mobilità e promuovendone l’autonomia.

Da anni il nostro Comune può vantarsi di aver promosso tale iniziativa, dal 2009 Sona, dal 2010 Lugagnano, dal 2011 Palazzolo. Un servizio totalmente gratuito che accompagna i bambini della scuola primaria ogni mattina, con qualsiasi situazione atmosferica. Un servizio comodo e pratico  perché fa fare regolare esercizio fisico, è in totale sicurezza, anticipa l’educazione stradale, permette la socializzazione, riduce il traffico ma soprattutto è divertente. Anno scolastico 2017-2018 appena iniziato e il Piedibus è già partito a pieno regime nelle tre nostre frazioni.

Semplice e divertente appunto ma in pochi si rendono conto della progettazione che sta dietro le quinte. I Comitati Genitori e i Comitati Piedibus lavorano, gratuitamente, molto prima che inizi l’anno scolastico. Devono raccogliere i moduli di iscrizione, devono valutare i percorsi in base alle richieste, devono trovare gli accompagnatori, devono poi monitorare per tutto l’anno che il servizio prosegua senza intoppi. Anche agli accompagnatori spetta un compito impegnativo. Con spirito assolutamente di volontariato dedicano del  tempo prezioso ai bambini, anche a quelli degli altri. Gli accompagnatori sono spesso genitori ma anche nonni, vicini di casa, pensionati, zii. I bambini arrivano a scuola sereni e i genitori al lavoro puntuali perché c’è qualcuno che mette il proprio impegno a loro disposizione.

Se mettiamo in tavola i numeri capiamo subito l’incidenza del Piedibus nel nostro territorio. A Sona 64 bambini  e 26 accompagnatori che si turnano durante la settimana distribuiti su 3 linee, a Lugagnano 75 bambini e 28 accompagnatori su 5 linee, a Palazzolo si contano circa 20 bambini e 20 accompagnatori su 2 linee.

Per la realtà del nostro territorio e dei nostri Istituti Scolastici sono tantissimi i bambini che vi partecipano e dovrebbero assolutamente essere di più i genitori coinvolti nel progetto anche semplicemente nella corretta compilazione del modulo di iscrizione, nella  puntualità alle fermate, nel rispetto delle regole o nel riguardo dei gilet che sono in comodato d’uso. Soprattutto quando si tratta di un servizio di pubblica utilità, gratuito e di volontariato il rispetto e la gratitudine dovrebbero fare da cassa di risonanza.

Va dunque riconosciuto l’encomiabile servizio di tutti quelli che armati di gilet e paletta permettono che il bus con i piedi porti a scuola i giovani alunni e vanno premiati anche i bambini,  che con le loro voci brillanti e cartelle sgargianti colorano le nostre vie ogni mattina.

About Francesca Tenerelli

Nata il 29 gennaio del 1976, parte attiva da sempre nella comunità di Lugagnano, con una breve interruzione per trasferimento a Decimomannu vicino a Cagliari. Ha conseguito la maturità scientifica presso il liceo Galileo Galilei a Verona e attualmente è impiegata in un’Agenzia di Assicurazioni. Sposata e madre di due figli, trova sempre il tempo per dedicarsi alla sua passione, la lettura.

Related posts