Il Questionario del Baco: risponde Alessandro Molon, macellaio (e molto altro) di Lugagnano

Prosegue la rubrica “Il Questionario del Baco” con la quale andiamo a conoscere in maniera leggera e scherzosa alcuni nostri concittadini. Si tratta di una serie di domande, sulla scorta del celebre “Questionario di Proust”, volte a conoscere i gusti e le aspirazioni personali di chi vi risponde. Malgrado la denominazione possa indurre a pensare che sia stato creato da Marcel Proust, il grande scrittore francese si limitò a fornire le proprie risposte

Oggi risponde al questionario del Baco Alessandro Molon di Lugagnano. Cinquant’anni, è il primo di 5 fratelli. Papà di Giuliano e Leo, nati dal primo matrimonio, nel 1984 apre una macelleria a Verona e diventa un punto di riferimento per gli amanti della carne. Poi nel 2011 decide di tornare con la macelleria (e non solo) a Lugagnano. Sempre a Lugagnano incontra Manuela, che diventa sua moglie. Da poco ha aperto il suo nuovo prestigioso centro di carni e gastronomia, “Casa Molon”, sempre a Lugagnano in via Mancalacqua 59. E’ presidente della Consulta delle Attività produttive del Comune di Sona.

Il tratto principale del suo carattere?
Positività ed allegria.
La qualità che preferisce in un uomo?
La concretezza.
La qualità che preferisce in una donna?
La lealtà e la sincerità.
Quel che apprezza di più nei suoi amici?
Esserci quando li cerchi.
Il suo principale difetto?
Perchè, ne ho?
Il suo sogno di felicità?
Ferrari 458.
Quale sarebbe la più grande disgrazia?
Distruggere la Ferrari 458.
La nazione dove vorrebbe vivere?
La mia.
Il colore che preferisce?
Verde acquamarina.
La bevanda preferita?
La maledetta CocaCola.
Il piatto preferito?
Penne al pomodoro.
I suoi eroi nella vita reale?
Mia moglie ed i miei figli.
La sua canzone preferita?
“Nothing else matters” dei Metallica.
Il suo libro preferito?
“Il macellaio”.
Il giorno più importante della sua vita?
Diventare nonno.
Quel che detesta più di tutto?
Le menzogne.
In che città vorrebbe vivere?
Venezia.
Cosa le piace di più di Lugagnano?
La gente.
Cosa le piace di meno di Lugagnano?
Paese stretto e lungo.
Il personaggio storico che disprezza di più?
Hitler.
Il dono di natura che vorrebbe avere?
L’agilità.
Come vorrebbe morire?
…sulla Ferrari 458.
Stato attuale del suo animo?
Innamorato.
Le colpe che le spirano maggiore indulgenza?
Non finire una fiorentina.
Il suo motto?
Scegliere bene per mangiare meglio.

Related posts