Il Questionario del Baco: risponde Elisa Venturi, titolare dell’edicola “El Giornal” di Sona

Prosegue la rubrica “Il Questionario del Baco” con la quale andiamo a conoscere in maniera leggera e scherzosa alcuni nostri concittadini. Si tratta di una serie di domande, sulla scorta del celebre “Questionario di Proust”, volte a conoscere i gusti e le aspirazioni personali di chi vi risponde. Malgrado la denominazione possa indurre a pensare che sia stato creato da Marcel Proust, il grande scrittore francese si limitò a fornire le proprie risposte

Oggi risponde al questionario del Baco Elisa Venturi. Nata a Verona nel 1979, vive a Sona dal 2003. Sposata, è titolare della cartoleria edicola “El giornal” in piazza Roma a Sona dal gennaio del 2016.

Il tratto principale del suo carattere?

Tenace e spontanea.

La qualità che preferisce in un uomo?

La semplicità.

La qualità che preferisce in una donna?

La sincerità.

Quel che apprezza di più nei suoi amici?

L’allegria.

Il suo principale difetto?

Tendo ad essere pigra.

Il suo sogno di felicità?

Viaggiare di più.

Quale sarebbe, per lei, la più grande disgrazia?

Perdere una persona cara.

La nazione dove vorrebbe vivere?

Italia.

Il colore che preferisce?

Il viola.

La bevanda preferita?

Un buon bicchiere di vino.

Il piatto preferito?

Lesso con la pearà.

I suoi eroi nella vita reale?

Mia mamma.

La sua canzone preferita?

“Generale”, cantata da Vasco Rossi.

Il suo libro preferito?

Leggo molto, in questo momento il mio libro preferito è “Io prima di te” di Jojo Moyes.

Il giorno più importante della sua vita?

La nascita dei miei figli.

Quel che detesta più di tutto?

L’opportunismo.

In che città vorrebbe vivere?

Sona va benissimo.

Cosa le piace di più di Sona?

La posizione geografica.

Cosa le piace di meno di Sona?

Pochi parcheggi.

Il personaggio storico che disprezza di più?

Nessuno.

Il dono di natura che vorrebbe avere?

Sono grata per quello che ho.

Come vorrebbe morire?

Di vecchiaia, in pace.

Stato attuale del suo animo?

Sereno.

Le colpe che le ispirano maggiore indulgenza?

Gli errori fatti in buona fede.

Il suo motto?

Fiducia, speranza, amore.

Related posts