Il libro: “Wonder” di R.J. Palacio, un testo che un genitore dovrebbe regalare al figlio preadolescente

La Recensione

“Wonder”, film con Julia Roberts e Owen Wilson, uscito durante le festività natalizie nelle sale italiane, è tratto da un romanzo del 2012, che ebbe un successo immediato e planetario. Racconta la storia di August Pullman, ragazzino affetto dalla Sindrome di Treacher Collins fin dalla nascita. Tale patologia comporta una grave deformazione facciale, che lo rende repellente agli occhi degli altri. Per superare alcuni problemi uditivi e respiratori, non solo estetici, legati a tale sindrome, viene sottoposto a continue operazioni, ventisette in undici anni di vita, per l’esattezza.

All’inizio del libro, Auggie, come lo chiamano tutti, sta per iniziare la prima media ed è terrorizzato perché non è finora mai entrato in una scuola vera e propria. La madre gli ha impartito privatamente lezioni, ma ora crede sia venuto il momento di iscrivere il figlio a scuola per renderlo più indipendente e favorire l’interazione con i ragazzi della sua età. Si tratta di una prova difficilissima da superare per Auggie: a farlo temere non sono le materie o la severità dei professori ma la reazione dei suoi coetanei di fronte al suo aspetto, che generalmente crea disagio negli estranei e lo fa sentire come un poveraccio da compatire o un mostro da cui scappare.

“Wonder” è infatti un romanzo sulla diversità, su quanto essa possa imbarazzare, impaurire, creare solitudine,scatenare il fenomeno del bullismo.

Trovarsi ad essere un preadolescente discriminato è tremendo e Auggie fatica a reggere gli sguardi altrui, a confrontarsi con i compagni, a trovare un amico vero. Faticano anche i suoi genitori, che sono talmente immersi nel loro dolore e messi alla prova ogni giorno da non vedere altro che l’handicap di August, isolandosi e rinunciando al loro tempo, alle loro ambizioni e mancando di attenzione nei confronti del resto del mondo.

“Wonder”, romanzo capace di toccare il cuore senza essere mai patetico, è interessante anche perché ci racconta la storia di August Pullman attraverso gli occhi di sua madre, di suo padre, di sua sorella, dei suoi compagni di classe. In questo modo è possibile immedesimarsi in ognuno di loro e cogliere il diverso punto di vista di chi si confronta e convive con chi è discriminato. Il romanzo è un percorso straordinario, che porta molti dei personaggi a crescere, a mettere da parte la paura, a capire che la diversità rende unici, a scoprire il talento straordinario di Auggie Pullman, il suo essere per tanti versi un meraviglioso prodigio.

“Wonder” è un libro che un genitore dovrebbe regalare al proprio figlio preadolescente, che un docente dovrebbe far leggere a scuola perché è educativo e aiuta a riconsiderare il nostro concetto di normalità. Anche il film merita e risulta (per una volta) sicuramente all’altezza del romanzo.

Coraggio. Gentilezza. Amicizia. Carattere. Queste sono le  qualità che ci definiscono esseri umani e ci spingono, a volte, alla grandezza.

La Scheda

“Wonder” di R.J.Palacio, Giunti Editore, 2013, pp. 288.

 

About Chiara Giacomi

Nata a Verona nel 1977, ha conseguito la laurea in Lettere presso l'Università di Verona e l'abilitazione all'insegnamento presso l'Università Ca' Foscari di Venezia. Sposata, con due figli, insegna Lettere al liceo.

Related posts