Il libro: “Il grande inverno” di Kristin Hannah. Scoprire chi sei veramente nella selvaggia Alaska

La Recensione

Sentirsi in Alaska senza doverci andare è possibile grazie a questo romanzo di Kristin Hannah, famosa per il bestseller “L’usignolo”. Nel libro però il freddo è solo fuori, perché le emozioni che si provano leggendo sono intense, man mano che si viene trascinati nel turbinio di eventi che portano Ernt Allbright, reduce del Vietnam, a trasferirsi nella selvaggia Alaska.

Tormentato e umorale, dopo aver perso l’ennesimo lavoro, decide di cambiare vita in modo radicale e porta con sé la moglie Cora e la figlia di tredici anni, Leni, vera protagonista del romanzo. Leni vive questo cambiamento con curiosità ma anche grande ansia,in preda alle forti trasformazioni interiori tipiche della sua età.

Spera in un futuro migliore e soprattutto nella tranquillità per la sua famiglia, perché stanca degli aspri litigi dei genitori,che sono incapaci di trasmetterle serenità in questo momento della sua vita, troppo presi a cercare di restare in piedi, a non farsi sopraffare dall’insoddisfazione per i fallimenti personali del passato.

All’inizio l’Alaska sembra offrire ciò di cui la famiglia Allbright ha bisogno, ma col tempo Leni, Ernt e Cora si rendono conto che non è fuggendo che si possono sconfiggere i mostri.

La copertina del libro di Kristin Hannah

L’inverno infatti avanza e mette a dura prova l’equilibrio familiare, già precario da prima.Leni sperimenta sulla propria pelle quanto la fame, il gelo, il buio che dura anche diciotto ore al giorno, e gli animali selvatici non facciano così paura come i fantasmi che attanagliano il padre, il quale riversa su di lei e la madre i suoi tormenti.

Sicuramente un romanzo coinvolgente, che parla delle gabbie che l’uomo si costruisce intorno, in maniera cosciente o meno, in cui l’amore può salvare ma anche dannare, dove il coraggio di due donne indomite fa la differenza. Il tutto in una cornice selvaggia e inquietante come quella dell’Alaska, una terra aspra che non ammette mezze misure.

In questa terra si consumò l’avventura di Christopher McCandless, protagonista di quel capolavoro di film che è “Into the wild”. McCandless, esattamente come Leni in questo romanzo, si trova di fronte ad un luogo che attrae e respinge, che è fascino estremo ed estremo orrore, perché non fa sconti a nessuno e la sopravvivenza è una scelta da fare continuamente. Eppure in Alaska è possibile scoprire fino in fondo chi si è veramente, nel bene e nel male.

Una donna deve essere una roccia per vivere quassù, Cora. Non si può contare sull’aiuto di nessuno per salvare se stessi e i propri figli. Dovrete essere pronti a salvarvi. E dovrete imparare in fretta. In Alaska si può commettere un solo errore. Uno. Il secondo ti ucciderà.

La Scheda

“Il grande inverno” di Kristin Hannah, Mondadori, 2018, pp.452.

About Chiara Giacomi

Nata a Verona nel 1977, ha conseguito la laurea in Lettere presso l'Università di Verona e l'abilitazione all'insegnamento presso l'Università Ca' Foscari di Venezia. Sposata, con due figli, insegna Lettere al liceo.

Related posts