Venerdì 2 marzo SonaFilmFestival incontra il Trento Film Festival 365

Venerdì 2 marzo alle ore 21 presso il teatro parrocchiale di Sona (Piazza della Vittoria) si terrà la terza serata della rassegna “La montagna si proietta in collina”, quest’anno dedicata all’alpinismo in rosa.

Grazie alla collaborazione con Trento Film Festival 365, venerdì verranno proiettati tre filmati selezionati dalla prestigiosa rassegna internazionale.

“Mira” di Lloyd Belcher – Nepal/Reg. Amm. Sp. Hong Kong 2016 Durata: 42’

Cresciuta in un piccolo villaggio sulle montagne nepalesi, Mira ha coltivato fin da bambina il sogno di riuscire a emanciparsi attraverso lo sport, superando gli ostacoli che, al pari di tutte le altre ragazze in Nepal, deve quotidianamente affrontare. Non le resterà altra via che fuggire da casa e confrontarsi direttamente con i suoi sogni.

“Une vie à apprendre” di Eloise Barbieri – Francia/Italia 2017 Durata: 24’

Nonostante sia rimasta paralizzata a causa di un incidente in montagna, Vanessa François (foto sopra) continua a scalare con l’aiuto di alcuni amici, che oltre ad essere dei fortissimi alpinisti, si dimostrano generosi e solidali. Dopo aver salito con successo la via Zodiac nello Yosemite, decide di affrontare il Grand Capucin, un monolite di quasi 4000 m nel massiccio del Monte Bianco.

“La via eterna” con Nives Meroi di Giorgio Gregorio – Italia 2007 Durata: 30’

L’alpinista tarvisiana Nives Meroi con Marco Albino Ferrari, giornalista e scrittore percorrono un itinerario alpinistico, la “Cengia degli Dei”. Si tratta di un percorso caratterizzato da un susseguirsi di cenge e balconi che aggira, ad un’altezza quasi costante tutto il gruppo del Jof Fuart. Ancora oggi molto impegnativo per il suo sviluppo, il percorso si svolge in ambiente selvaggio nel cuore delle Alpi Giulie. “La Via Eterna”, così l’aveva chiamata Giulio Kugy, alpinista e scrittore che tra la fine dell’ottocento, per primo ne aveva individuato l’esistenza; una via senza tempo.

Una serata da non perdere e ad ingresso libero.

About Franco Fedrigo

Nato a Isola della Scala il 5 agosto 1961 e residente a Sona dal 1975. Sposato con tre figli. Appassionato di sport è componente del Comitato per la gestione del Teatro Parrocchiale e con alcuni amici organizza una rassegna di film sulla montagna. Fa parte della redazione del Baco dal 2002.