Seconda edizione del Sona Beer-Fest: divertimento, birre e cibo di qualità, ecologia e solidarietà

Si è conclusa da poco la seconda edizione del Sona Beer-Fest tenutasi dal 3 al 5 agosto scorsi presso il parco Alessandro Fasoli in località San Quirico.

Anche questa edizione ha riscosso molto interesse vista la numerosa partecipazione, merito da attribuire agli organizzatori che hanno saputo scegliere bene le proprie carte. Stiamo parlando delle attività e dei professionisti messi in campo per questo evento.

Per tutte e tre le sere ha collaborato la Rosticceria Chesini, cuocendo e preparando costine, stinchi e polli allo spiedo. Giovedì sera invece è stato il turno del Bagolo Ristorantino che ha proposto come piatto speciale della serata le guancette di maialino con patate al forno, un piatto tipico paesano molto gradito.

E cosi il giorno successivo è stato il turno del BigChef Marco Melegari, che con i suoi collaboratori ha deliziato i palati con gli arrosticini di ovino, cotti alla perfezione. Per finire, l’ultima sera è andata in scena la Macelleria Massagrande che ha cotto alla brace la bistecca dell’amicizia, carne di garronese veneta di 5-6kg per un minimo di 10 persone. Per chi non ha potuto riunirsi con gli amici in cucina erano pronti a servire la stessa sotto forma di tagliata condita con olio extra vergine di oliva e contornata da insalata verde fresca. Una esplosione di gusto in bocca. L’Associazione San Quirico poi ha arricchito il tutto con gli ormai famosi wurstel e crauti, hamburger Gourmet (altra novità nel menù base di quest’anno) e le patatine fritte.

Le specialità delle serate hanno così vinto e convinto tutti i partecipanti accorsi ma non è stata l’unica vittoria che si è vista e percepita al Parco Alessandro Fasoli nelle serate del Sona Beer-Fest.

Quest’anno, infatti, gli organizzatori hanno voluto scommettere in ecologia ed innovazione, dando vita alla novità del bicchiere di policarbonato, il solo ed unico bicchiere dal quale poter bere le sei diverse birre presenti.

In questa maniera i partecipanti erano obbligati ad acquistarne uno al primo giro di birra al costo di 1 euro, grazie al materiale di cui è composto si è potuto somministrare in modo sicuro e a zero impatto ambientale, all’acquisto in cassa diventava di fatto di proprietà del cliente che una volta usato per bere la birra se l’è potuto portare a casa come simpatico ricordo della serata.

La maggior parte dei partecipanti è tornata la sera successiva brandendo il proprio bicchiere e pagando in cassa solo il costo della birra scelta.

Nell’area della festa sono state installate anche zone dove poter sciacquare i bicchieri e zone dove personificarlo per mezzo di un indelebile con un disegno o con il proprio nome. Un’idea semplice, ecologica e, a suo modo, rivoluzionaria.

La fornitura di posate e stoviglie è stata invece affidata alla Cooperativa Sociale I Piosi di Sommacampagna che con serietà e professionalità hanno saputo rifornire puntualmente la cucina.

Grazie a questi due nuovi inserimenti, bicchiere unico e stoviglie con I Piosi, si è riusciti a ridurre addirittura ad un quindicesimo le immondizie dell’anno precedente.

Molto gradita poi la musica che ha animato le serate, a partire dai Castion Boys, passando per il gruppo di giovani ragazzi Two Spans Above e per finire con i DJ Petena e DJ Evan che hanno fatto scatenare adulti e bambini a piedi scalzi nel prato con la loro Musica Afro generation.

Ringraziamo i tanti giovani volontari del paese accorsi a dare una mano in distribuzione ed ai chioschi e le altrettante persone che hanno aiutato affinché tutto l’evento si sia potuto fare con serietà e sicurezza – spiegano gli organizzatori -. Quest’anno ci siamo dotati di apparecchi di comunicazione istantanea per qualsiasi emergenza, tutto si è svolto comunque in totale tranquillità.

Grande attenzione è stata dedicata all’ambiente anche nel post festa. Domenica all’ora di pranzo le strade del paese erano già prive di cartelli segnaletici e gli striscioni pubblicitari erano stati rimossi, panche e tavole ripiegate e sistemate in una parte del parco e quest’ultimo completamente ripulito pronto ad accogliere nuovamente grandi e piccoli in armonia.

A conclusione della festa un ringraziamento speciale va agli sponsor di questa seconda edizione: Itas Assicurazioni, Estetica New Moon, Motoscooter Service e Lazzarini – proseguono gli organizzatori -. Vogliamo anche comunicare che il ricavato del Sona Beer Fest verrà utilizzato per la comunità, con il pagamento della tettoia appena costruita e dell’impianto di illuminazione a led.

Related posts