170 anni fa come oggi si combatté la Battaglia di Sona: scoperti un libro e una medaglia commemorativi

Fortunatamente la memoria di quel fatto bellico non è mai andata persa. Il Comune di Sona volle, un paio d’anni fa, dedicare una via di Sona: via Stazione divenne così via Battaglia di Sona 1848 (foto in alto). Recentemente sono venuti alla luce due reperti risalenti al 1898, quando si volle celebrare il cinquantesimo anniversario con la coniazione di una medaglia d’argento e la pubblicazione di un libro.

Quando a Sona “Villa dei cipressi” si chiamava “Villa Elvira”, un confronto storico

Anzitutto la denominazione era “Villa Elvira”, e non “Villa dei cipressi” come oggi. A un lato dell’attuale palazzo era addossata una vistosa costruzione munita di merli ai bordi del tetto, così da configurare un aspetto vagamente a castello. In vicinanza si intravede un’altra casa, che serviva da portineria, probabilmente residenza del custode.

L’Officina Granuzzo di Lugagnano compie settant’anni. Una storia di passione vera, sulle due ruote

L’attività è stata fondata dal padre Romeo, nel 1948 nello spazio domestico che era stato del nonno Gaetano, ex controllore delle ferrovie. Con l’ingrandirsi della frazione, che si estendeva progressivamente verso la città, si ingrandiva anche l’officina. Il piccolo locale, a ridosso di via Mancalacqua, si è prima allargato di lato, togliendo spazio alla cucina, di cui tuttora è visibile l’antica pavimentazione, e poi in lunghezza, retrocedendo verso via Molinara Nuova.

Il Comune di Sona nei dizionari geografici dell’Ottocento, un territorio in cui si vive bene

Nell’Ottocento vennero pubblicati alcuni dizionari geografici d’Italia. Si trattava di opere, anche in più volumi, in cui venivano descritti i vari paesi e città del Belpaese, in ordine alfabetico, fornendo informazioni più o meno ampie a seconda della loro importanza. Per curiosità abbiamo voluto sfogliarne alcuni, e vedere che cosa si diceva a proposito del Comune di Sona.

Elezioni: fino agli anni novanta anche a Sona vi era l’obbligo di votare. Con pubblicazione dell’elenco di chi non si era recato alle urne

In un periodo nel quale a Sona siamo impegnati con la campagna elettorale che ci porterà il 10 giugno a votare per il nuovo Sindaco ed il nuovo Consiglio comunale, torna interessante ricordare una norma elettorale che restò in vigore per quasi cinquant’anni, probabilmente conosciuta da pochi: il Decreto Legislativo Luogotenenziale n. 74 del 10 marzo 1946.

Una ricerca storica sulla parrocchia di San Giorgio in Salici, che prende il via nel 1797, in esclusiva sul Baco

La Parrocchia, nella sua fondazione del 29 dicembre 1797, comprende la comunità di S. Giorgio e quella di San Rocco. Fino a quella data le due comunità dipendevano dalla Pieve di Santa Giustina, poi parrocchia di S. Giacomo, Palazzolo. Anche se San Rocco, chiamata in Fornello, era più autonomo, con l’Oratorio omonimo di proprietà della nobile famiglia Cavazzocca, che manteneva il cappellano e aveva il fonte battesimale fin dal 1556.