In ricordo di Philip Roth, nel giorno della sua morte. “Pastorale americana” il capolavoro che gli valse il Pulitzer

Nel giorno della sua morte a 85 anni, proponiamo una recensione del capolavoro assoluto di Philip Roth, un vero gigante della letteratura del novecento. Lotti contro la tua superficialità, la tua faciloneria, per cercare di accostarti alle gente senza aspettative illusorie, senza un carico eccessivo di pregiudizi, di speranze o di arroganza, nel modo meno […]

Il libro: “Stagioni” di Mario Rigoni Stern, passare attraverso le età della vita, stagione dopo stagione

Leggere “Stagioni” di Mario Rigoni Stern significa partire per un viaggio nell’animo di un grande narratore, immergersi completamente nel suo mondo, entrare a stretto contatto con ricordi intrisi di nostalgia e di infinito amore per la natura, che coi suoi ritmi scandisce le età dell’uomo, l’avvicendarsi di diversi stati d’animo influenzati dal passaggio delle stagioni.

“Tu e l’Eternità”: le elementari di Lugagnano prime ad un concorso del Festival Biblico 2018

Il tema del concorso ha offerto  l’occasione ai partecipanti (scuole primarie e secondarie di I e II grado) di porsi in relazione con temi complessi, come l’eternità, l’oltre e l’infinito, che accomunano tutti i popoli e tutte le grandi riflessioni filosofiche e religiose. Il lavoro di avvicinamento e approfondimento dell’argomento è partito dall’opera di Federico Bellomi “Arbor Redemptionis”, che si trova nella chiesa parrocchiale di Lugagnano.

Non esiste senso civico senza buon esempio, anche a Sona. Riflessioni su un sondaggio

Le sanzioni indubbiamente servono ma non bastano. E’ più facile escogitare punizioni piuttosto che spendere energie nella pratica quotidiana dell’educazione. Tuttavia per cambiare le cose davvero è necessario modificare la mentalità,  educando al bello, al rispetto dell’ambiente, ad evitare lo spreco delle risorse, alla pratica della gentilezza. Un ottimo modo per sviluppare questi valori nelle nuove generazioni è il coinvolgimento in attività pratiche legate alla propria realtà territoriale (la pulizia del quartiere, per esempio, e il contatto vivo con le istituzioni), insieme magari ai genitori, così che il messaggio venga trasmesso o ravvivato anche in loro.

A Lugagnano un Club di appassionati delle Fiat Cinquecento. A maggio il primo raduno, sono aperte le iscrizioni

Impossibile non provare un’istintiva simpatia alla vista di una Cinquecento. La storia di questa piccola autovettura è infatti legata alla vita di moltissimi italiani, che la sentono parte della loro tradizione e della loro identità. La nascita della mitica utilitaria della Fiat, con un motore a due cilindri e dalla velocità massima di ottantacinque chilometri orari, un’ottima tenuta di strada e consumi ridotti, risale al 1957, in pieno boom economico. Costava 490 mila lire ma il prezzo venne abbassato dopo poco perché non fu subito un successo di vendite.

Gli studenti della primaria di Lugagnano visitano la mostra su Leonardo da Vinci alla Grande Mela

“Accompagnati da una guida – ci racconta l’insegnante Nicoletta Mazzi – i bambini hanno potuto scoprire tante invenzioni, costruite da Leonardo da Vinci a partire dall’osservazione della natura. Alcune di esse sono legate al volo. Leonardo, studiando il volo dell’aquila, si è ispirato alle sue ali per costruire il deltaplano, realizzato in tessuto e legno, con due manopole per manovrarlo.

Il libro: “Storia della mia ansia” di Daria Bignardi. La malattia, l’amore, la vita

Inevitabile non riconoscersi in questo romanzo, impossibile non riflettere su certi passaggi, perché, anche se la malattia non tocca fortunatamente tutti, il dolore sì e in forme diverse ci mette tutti alla prova, battendo sui tasti dolenti della nostra vita, facendoci capire chi conta veramente per noi e quanto siamo bisognosi di essere amati “senza se e senza ma”, senza riserve.

Il libro: “Bella mia” di Donatella di Pietrantonio. In ricordo del terremoto che come oggi nel 2009 distrusse L’Aquila

Sono trascorsi nove anni, ma il terremoto dell’Aquila è ancora un ricordo vivo e doloroso per tutti. La scossa principale, di magnitudo pari a 6.3, si verificò il 6 aprile 2009 alle ore 3:32 del mattino, provocando crolli di edifici, trecentonove vittime, milleseicento feriti e circa dieci miliardi di euro di danni stimati.